L'utilizzo del cavallo nella Caccia alla Volpe

Caccia alla volpe

photo credits: Olivia Pile

Monica Carosi caccia alla volpe
Monica Carosi Caccia alla volpe
La caccia alla volpe è una tradizione della cultura equestre Inglese, Irlandese e Francese che si è tramandata inalterata nel tempo fino ad oggi.
Sorprendentemente nell'era dei computer, nella campagna inglese è ancora possibile imbattersi in una muta di cani da caccia (propriamente definiti hounds) al seguito di cavalieri in giacca rossa proprio come quelli raffigurati nei famosi dipinti ad olio o nelle stampe.
Nonostante un forte legame con le tradizioni e i rituali di un tempo, i cavalli attualmente utilizzati per la caccia alla volpe vengono allenati, alimentati e gestiti come veri e propri cavalli atleti. Come i più famosi cavalli da completo o da salto ostacoli.
La razza di cavalli maggiormente utilizzata nella caccia alla volpe è quella Irish Draught Sport Horses, nata dall'incrocio dei cavalli da tiro irlandesi con purosangue o warmbloods.
Gli Irish Draught Sport Horses si prestano particolarmente all'attività della caccia alla volpe essendo cavalli versatili, atletici e di robusta costituzione. Hanno un buon temperamento e un'ottima attitudine al lavoro.
Quando si avvicinano agli ostacoli fissi o di campagna, i cavalli di razza Irish Draught Sport Horses sono capaci di prendere la giusta iniziativa aiutando così i cavalieri meno esperti ad uscire indenni dalle situazioni potenzialmente più rischiose. 
In Inghilterra la stagione della caccia alla volpe ha luogo in autunno-inverno, quando ormai le volpi si sono riprodotte e i terreni sono abbastanza soffici da poter galoppare e saltare un'intera giornata senza incorrere in zoppie.
Il periodo tra inizio settembre a fine ottobre viene definito Autumn Hunting ed ha lo scopo di preparare sia gli hounds che i cavalli alla caccia vera e propria che decorre invece da novembre a marzo.
Le giornate di caccia autunnale iniziano alle 5-6 del mattino e terminano intorno alle 8-9. Si svolgono con un ritmo molto lento, i cavalli non sono intrecciati e i cavalieri indossano semplicemente una giacca di tweed.
La caccia propriamente detta inizia la prima settimana di novembre con una giornata definita Opening Meet.
Nelle giornate di caccia invernale i cavalli vengono presentati con la criniera e la coda intrecciate. La coda può anche essere arrotolata su se stessa come accade nei cavalli da polo.
La caccia inizia alle 11 di mattina con un meeting a cavallo e prosegue fino alle 16-16.30 di pomeriggio a ritmo sostenuto (il numero degli ostacoli naturali saltati ogni giornata è variabile).
Il Master, il Field Master e l’Huntsman (ruoli caratteristici della caccia alla volpe) indossano giacca rossa e pantaloni bianchi mentre il resto dei partecipanti alla caccia indossa una giacca blu o nera sopra pantaloni beige.
La caccia invernale è un'attività estremamente stressante per i cavalli sia dal punto di vista fisico che mentale (lo stesso cavallo può essere usato anche due volte alla settimana).
Per questi motivi risulta indispensabile gestire i cavalli in modo tale che possano trascorrere il maggior numero di ore possibile al prato, soprattutto all'indomani della giornata di caccia.
continua... 
caccia alla volpe
caccia alla volpe
caccia alla volpe

Il lavoro del Groom in una scuderia da caccia

I cavalli impiegati nella caccia alla volpe sono dei veri e propri cavalli sportivi, per questo vengono seguiti da Groom professionisti che si occupano non solo di curarne l’aspetto esteriore ma anche la preparazione atletica e l’alimentazione.
Nel periodo compreso tra aprile e maggio solitamente i cavalli da caccia vivono interamente al prato sferrati, nutrendosi solamente di erba.
Questi due mesi di vita allo stato brado sono fondamentali in quanto consentono ai cavalli di liberarsi dallo stress mentale e fisico accumulato durante la stagione di caccia appena conclusa.
Fintanto che i cavalli vivono al prato il Groom ha il compito di disinfettare le scuderie e i mezzi di trasporto (trailer e horsebox) oltre che pulire e riordinare la selleria (coperte, sottosella, protezioni da viaggio, selle, testiere, etc..).
In giugno i cavalli vengono ferrati e reintrodotti al lavoro montato.
Per un mese il Groom monta ogni cavallo un ora al giorno al passo badando di camminare percorsi a pendenza variabile sia su terreni naturali che asfaltati.
A partire da luglio, il Groom introduce gradualmente il lavoro al trotto, al galoppo e sui salti, montando i cavalli sempre per un ora al giorno in campagna e nel traffico.
Durante la stagione della caccia alla volpe può capitare che il Groom stesso monti in caccia, accompagnando i proprietari dei cavalli con i quali lavora.
L’alimentazione del cavallo da caccia è estremamente importante e viene formulata dal Groom sia sulla base del fabbisogno del singolo cavallo ma soprattutto in considerazione delle abilità equestri del cavaliere che poi monterà il cavallo in caccia.
Questi sono solo alcuni dei ruoli che il Groom riveste in una scuderia di cavalli da caccia ma già questi da soli, possono far intuire quanto l’esperienza e una adeguata formazione siano auspicabili nello svolgimento della professione Groom.

 

VUOI DONARE UN OGGETTO
AL MUSEO ?

Libri sui cavalli

Ti piacciono i cavalli? Leggi i nostri due eBook gratuiti:

  1. Storie di donne, uomini, cavalli e arte
  2. La libertà e il cavallo

 

  Richiedi ora il PDF!